Alert System

Sistema di Allerta Telefonico 

Emergenza idrica di Mercoledì 2 Dicembre, il guasto palesatosi in una delle condutture più importanti e centrali di Zagarolo

in

Mercoledì 2 Dicembre il borgo e i colli a ridosso del centro storico di Zagarolo sono stati oggetto di “abbassamenti di pressione e/o mancanze di acqua”; questo è quanto ha precisato ACEA alle 12.47 in una giornata convulsa dove le prime segnalazioni di criticità sono giunte in Comune già alle 9.30. Il Comune di Zagarolo, in collaborazione con ACEA, in poche ore è riuscita a far arrivare alle 15.30 tre autobotti in stazionamento in Piazza Santa Maria, Piazza Indipendenza e Viale Ungheria. Se ne aggiungevano due nel pomeriggio inoltrato che hanno stazionato a ridosso di Colle Barco e Borgo San Martino. Un totale di 50mila litri di acqua.
 
“Il primo pensiero è andato alle scuole – spiega il sindaco di Zagarolo, Lorenzo Piazzai. – Grazie alla collaborazione di Bio Ristoro, la società che gestisce la mensa scolastica, siamo riusciti a servire due secondi piatti ma gran parte dei minori sono stati riportati a casa dalle loro famiglie. I lavori di ripristino del guasto sono andati avanti fino a tarda sera. Intorno alle 19.40 abbiamo finalmente fatto ripartire il flusso idrico: la zona di Colle Barco è stata raggiunta dall’acqua dopo circa tre ore. È stata una giornata dura e faticosa e ci scusiamo per i disagi che sono stati provocati. Desidero ringraziare il Segretario comunale, il Presidente Consiglio comunale, gli Assessori, i Consiglieri, il Presidente dell'Istituzione Palazzo Rospigliosi, i dirigenti comunali, i tecnici comunali, i dipendenti comunali, gli Istituti scolastici, le Forze Armate, la Polizia Locale, i volontari GABI della Protezione Civile per la profonda collaborazione e la solerzia con la quale hanno affrontato l’emergenza”.
 
Il guasto si è palesato in una delle condutture più importanti di Zagarolo, nel cuore della città. La causa è stata l'usura delle condotte idrauliche. La riparazione si è conclusa dopo varie ore di indagine con la verifica dei serbatoi della zona e le rilevazioni sulle portate d'acqua. La definitiva soluzione si è avuta con l'innesto di un raccordo a chiusura della falla creatasi sulla tubazione.
Il grado di collaborazione con ACEA è stato efficiente. Nello stesso tempo si è potuto toccare con mano le criticità della rete idrica e della gestione della stessa.
 
“Durante la notte il flusso idrico è tornato a regime sull'intero territorio interessato – conclude l’assessore ai lavori pubblici, Marco Bonini. – Tengo a precisare per una corretta informazione che quanto accaduto non ha alcun collegamento con i lavori in corso della fibra ottica. Mi associo ai ringraziamenti del sindaco per lo splendido lavoro effettuato da tutti”.
 

03/12/2015
AllegatoDimensione
Comunicato stampa Emergenza idrica.pdf258.67 KB